CITTA DI CATTOLICA
Piazza Roosevelt 5 - 47841 (RN)
Centralino +390541966511
P.Iva 00343840401 - UF5EHE

Tu sei qui

Il capitale naturale - incontri di valle

incontridivalle conversazioni loris bagli santolini riccardo casini lino sistri capitale naturale valconca museo cattolica biblioteca san giovanni

Comune di Cattolica / Assessorato alla Cultura / Museo della Regina / Centro Culturale Polivalente

Comune di S.Giovanni in Marignano / Assessorato alla Cultura / Biblioteca Comunale

 

INCONTRI DI VALLE

progetto per un CANTIERE CULTURALE della Valconca

7 – 28 ottobre 2018

 

 

IL CAPITALE NATURALE

DOMENICA 7 OTTOBRE, ore 17,00

presso CENTRO CULTURALE POLIVALENTE

 

Si apre domenica 7 ottobre il ciclo di incontri dedicati alla valle del Conca che, curati da Alessandro Sistri, vedono coinvolti i Comuni di Cattolica e di S.Giovanni; il primo, dedicato al “capitale naturale” e al paesaggio della valle in tutti i suoi aspetti, avrà come protagonisti biologi e zoologi di grande levatura quali Roberto Santolini, Loris Bagli e Lino Casini, profondi conoscitori del territorio. Diversamente da quanto annunciato precedentemente, non potrà essere invece presente Marco Pivato, che non mancherà di certo in occasione delle prossime giornate.

 

Riccardo Santolini (Università di Urbino)

Il Capitale Naturale ed i Servizi Ecosistemici

Il Rapporto sullo Stato del Capitale Naturale (CN) in Italia, redatto dal Ministero dell’Ambiente (II edizione), si presenta come un nuovo strumento di gestione delle politiche pubbliche introdotto di recente a livello mondiale, europeo e nazionale. Quanto sia importante il CN è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite, attraverso la definizione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Indirizzo poi recepito dall’Unione Europea (Settimo programma quadro e Strategia per la Biodiversità) e dalla normativa italiana (Collegato ambientale, Strategia nazionale per lo Sviluppo Sostenibile e per la Biodiversità).

Uno sviluppo economico che non si ponga il problema del rapporto con l’ambiente naturale, non solo rischia di non poter essere mantenuto, ma perde qualità e quindi perde valore. Infatti, la biodiversità, caratterizzata da tutte le specie animali e vegetali, insieme alle componenti non viventi (aria, acqua e suolo), costituisce il motore degli ecosistemi come un insieme di cellule di un organo (l’ecosistema) che sinergicamente ad altri ecosistemi, formano e fanno funzionare l’organismo (il paesaggio). Il funzionamento corretto ed equilibrato garantisce alle popolazioni tutte che in esso vivono, Uomo compreso, risorse e servizi e di conseguenza, benessere.

 

 

Loris Bagli

Paesaggi vegetali e flora "invisibile"

I paesaggi variano nel tempo. E in questi l’insieme delle piante, la vegetazione, la componente più appariscente. Raramente le è concesso di conservare il suo aspetto originario. Umanizzata, frammentata, ridotta a stadi residuali, la vegetazione, magmatica e talvolta minacciosa, è in grado di riprendersi ogni spazio disponibile. La flora spontanea, le singole piante, restano oggi “invisibili” ai più, accomunate tra estremi assoluti, dalle malerbe, ostili e invasive, agli austeri patriarchi arborei. Un termine, invisibile, che presuppone l'inaccessibile ma anche ciò che si trova inosservato sotto i nostri occhi. A poco valgono mode e tendenze che riportano in auge il potere taumaturgico delle erbe o esaltano come antidoto alle tensioni quotidiane i mondi attoniti di boschi e foreste. La conoscenza di erbe, arbusti e alberi resta prerogativa di pochi cultori che cercano di penetrarne i segreti. Se la vegetazione appare ai più come un agglomerato indistinto, le singole piante appaiono come entità aliene, capaci di respingere chi le avvicini senza l'umiltà che richiedono. L'intervento intende rivelare alcune piante spontanee della Valle del Conca, con cenni sul paesaggio vegetale e sugli habitat cui appartengono, soffermandoci su aspetti ecologici, sulle rarità, sulle novità emerse in occasione di recenti ricerche. Lo faremo attraverso un viaggio per tappe che parte dalla costa e termina sulla vetta del Monte Carpegna, dove il Conca ha origine.

 

Lino Casini

La Fauna nelle Are Protette della Valle del Conca

L'intervento del dott. Lino Casini si incentrerà su argomenti quali la conservazione della natura, le aree protette, la rete Natura 2000, lo studio e la conservazione della Fauna.
Verrà mostrata l’evoluzione della superficie di territorio destinata a protezione della natura nella Provincia di Rimini dal 2000 ad oggi. Saranno descritte le diverse forme di aree protette e le loro caratteristiche e sarà mostrata la situazione attuale in termini di distribuzione geografica ed ecologica, superfici conservate e popolamenti faunistici presenti.
Verranno illustrati i principali gruppi tassonomici di vertebrati, la loro distribuzione e la loro consistenza numerica sul territorio anche in relazione agli studi effettuati e alle scelte gestionali fatte negli ultimi anni.
Un approfondimento particolare sarà riservato alle are protette e alla fauna della Valle del Conca con particolare riguardo alla Riserva Naturale di Onferno e al “recente” Paesaggio Naturale e Seminaturale protetto del Torrente Conca.

 

 

Per informazioni:

incontri di valle
e-mail: incontridivalle@gmail.com
FB: www.facebook.com/incontridivalle
www.twitter.com/IncontridiV
 

 

Museo della Regina
Tel. 0541-966577
e-mail: museo@cattolica.net;
FB: www.facebook.com/museodellaregina

Biblioteca di S.Giovanni

Periodo evento

07-10-2018 da 16:30 a 20:30
Tag:
Vota la notizia: 
0
Nessun Voto