CITTA DI CATTOLICA
Piazza Roosevelt 5 - 47841 (RN)
Centralino +390541966511
P.Iva 00343840401 - UF5EHE

Tu sei qui

Assegnazione sussidi a favore delle famiglie che assistono in casa persone non autosufficienti

assegnazione sussidi a famiglie che assistono in casa persone non autosufficienti

Bando per l'assegnazione di sussidi a favore delle famiglie che assistono in casa persone non autosufficienti ricorrendo all'aiuto di assistenti familiari. Periodo dal 1 gennaio 2014/30 giugno 2015

Il Comitato di Distretto di Riccione – ambito territoriale Rimini Sud- nella seduta del 17/2/2015 ha approvato,sentite le OOSS, i criteri di assegnazione delle risorse disponibili derivanti dal Fondo regionale per la Non Autosufficienza destinate all’intervento denominato “Azioni trasversali – emersione e qualificazione del lavoro di cura delle assistenti familiari” approvato nell’ambito del PAA 2015 scheda n° 70 (Deliberazione di G.C. 215/2015) . Ciascun Comune appartenente al Distretto di Riccione riceverà le domande dei propri cittadini verificandone l’ammissibilità e le trasmetterà al Comune di Riccione (ente capo-fila) il quale formulerà una graduatoria di beneficiari unica per l’intero Distretto. Le risorse distrettuali disponibili ammontano ad Euro 210.000,00

ARTICOLO 1

DESTINATARI E REQUISITI

Possono partecipare al bando per l’erogazione dei sussidi, i cittadini residenti nei Comuni del distretto di Riccione – ambito territoriale Rimini Sud (Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano A., Mondaino, Montecolombo, Montefiore C., Montegridolfo, Montescudo, Morciano di R., Riccione, Saludecio, San Clemente, San Giovanni in M.) che risultino essere in possesso dei seguenti requisiti:

a) presenza nel proprio nucleo familiare, anagrafico o di fatto alla data di sottoscrizione della domanda, di una o più persone, seguite da una o più assistenti familiari (in caso di più persone seguite nello stesso nucleo il contributo sarà unico);

b) residenza dell’assistito nel Comune in cui si presenta la domanda;

b) età dell’assistito uguale o superiore ad anni 18;

c) invalidità dell’assistito pari o superiore al 74% ;

d) un valore ISEE (indicatore della Situazione Economica Equivalente) del nucleo dell’assistito, non superiore a Euro 25.000,00;

e) non essere già titolari di Assegno di Cura rilasciato da AUSL;

f) non essere già titolari di prestazioni prevalenti erogate nell’ambito del progetto INPS Home Care Premium;

g) presenza di un contratto di lavoro che attesti la regolare assunzione di una o più persone dedicate all’assistenza della persona non autosufficiente, per un totale di almeno 24 ore settimanali, nel periodo 1-1-2014/30-6-2015;

Si precisa che, ai sensi del DPCM n. 159 del 5/12/2013 (GU n. 19 del 24-1-2014) l’ISEE di riferimento è quello relativo alle prestazioni agevolate di natura socio-sanitaria (art. 6 DPCM n. 159/2013).

Per ottenere l’attestazione I.S.E.E il richiedente può rivolgersi ai Centri d’Assistenza Fiscale (CAAF) presenti sul territorio.

ARTICOLO 2

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande si raccoglieranno dal 20/10/2015 al 20/11/2015.

I requisiti dovranno essere dichiarati nella domanda di partecipazione, da presentarsi in forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 445/2000, compilando il modulo appositamente predisposto (all.to). Tali requisiti dovranno altresì essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

La domanda può essere sottoscritta da:

- datore di lavoro dell’assistente familiare, come indicato nel contratto di lavoro;

- parenti ed affini del datore di lavoro fino al 4° grado;

- pubblico ufficiale (tutore, curatore o amministratore di sostegno);

alla domanda dovranno essere allegati in copia già prodotta:

1)Attestazione ISEE in corso di validità rilasciata ai sensi del DPCM 159/2013

2) contratto o contratti di lavoro regolari, sottoscritti con l’assistente familiare (se i contratti sono più di uno occorre specificare i periodi di validità di ogni singolo contratto). Il contratto dovrà evidenziare il costo orario e/o mensile al netto di TFR, Contributi e vari, ed il periodo di decorrenza;

3)certificazione dell’invalidità pari o superiore al 74% rilasciata dalla Commissione per la valutazione degli stati d’invalidità civile cecità e sordomutismo del SSN;

4) documento d’identità, la matricola INPS e il codice fiscale dell’assistente familiare;

5) fotocopia IBAN del c/c sul quale sarà richiesto di effettuare il pagamento;

Nel caso in cui il pagamento venga richiesto da persona diversa dal datore di lavoro, destinatario del rimborso, è necessario farsi sottoscrivere dal medesimo apposita delega alla riscossione.

La domanda, completa dei relativi allegati - indirizzata all’Ufficio Distrettuale di Piano con sede in Via Flaminia n. 41 a Riccione - deve essere presentata al Comune di residenza secondo una delle seguenti modalità:

- consegna a mano all’Ufficio protocollo negli orari di apertura dei singoli uffici;

- Invio tramite raccomandata A/R;

- Invio tramite pec;

Per le domande e gli allegati inviati via posta farà fede la data del timbro postale.

Alla domanda inviata per posta o per pec dovrà essere allegata una fotocopia (F/R) non autenticata di un documento d’identità valido di colui/ei che sottoscrive la domanda.

Per, eventuali, informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio “Servizi Sociali” del Comune di residenza.

ARTICOLO 3

ASSEGNAZIONE DEI SUSSIDI

Il Comune di Riccione (Ente capo-fila), verificata l’ammissibilità delle domande, provvederà a redigere la graduatoria provvisoria unica distrettuale degli aventi diritto sulla base della condizione economica definita dagli ISEE.

Tale graduatoria sarà ordinata a partire dagli ISEE più bassi e fino ad esaurimento dei fondi disponibili, ripartiti secondo i seguenti criteri:

1) Isee fino a euro 7.500; rimborso del 20% del costo fino ad un massimo di euro 1.500,00;

2) Isee dai 7.501 ai 20.000 euro; rimborso del 15% del costo fino ad un massimo di euro 1.300,00.

(In caso di Isee uguali, verranno favoriti gli utenti con un numero di ore contrattuali maggiore e in caso di equivalenza di queste ultime, verrà favorita l’anzianità dell’utente).

Per costo (indicato ai punti 1) e 2), deve intendersi unicamente l’importo rilevabile dal contratto rapportato a mese, moltiplicato per 13 mensilità (rimangono esclusi TFR, Oneri contributivi e vari).

Per i contratti attivati nell’anno di competenza del Bando verrà calcolato il rateo del periodo decorrente dalla stipula alla data di fine rapporto o comunque non oltre il 30/6/2015 (importo comprensivo del rateo della 13^ mensilità).

Entro 10 giorni dalla data di comunicazione della graduatoria provvisoria, sarà possibile presentare ricorso al Direttore dell’Ufficio di Piano del Distretto di Riccione – ambito territoriale Rimini Sud. Decorso tale periodo la graduatoria diventerà definitiva.

ARTICOLO 4

ALTRE DISPOSIZIONI

Ai sensi del DPR 445/2000 le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi previsti dalla legge sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia e determinano la pronuncia di decadenza dai benefici eventualmente conseguenti il provvedimento emanato su tali basi;

L’Amministrazione comunale procederà, ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, ad idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rilasciate dai richiedenti il contributo.

I Comuni del Distretto non si assumono responsabilità in caso di dispersione delle domande dovuta ad inesatte indicazioni del destinatario del plico, a disguidi postali o imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

ARTICOLO 5

INFORMATIVA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (ex D.Lgs n. 196/2003)

I dati personali acquisiti con la domanda e gli allegati indicati nei precedenti articoli:

a. devono essere necessariamente forniti per accertare la situazione economica ed i requisiti per l’accesso al beneficio secondo i criteri di cui al presente atto;

b. sono raccolti dai Comuni di Residenza e trasmessi all’Ufficio di Piano per essere utilizzati, anche con strumenti informatici, al solo fine di erogare il sussidio in oggetto;

c. possono essere comunicati al Ministero dell’Economia e delle Finanze e alla Guardia di Finanza per i controlli previsti;

d. il dichiarante può rivolgersi in qualsiasi momento, al Responsabile del trattamento dei dati per farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, può chiederne il blocco e opporsi al loro trattamento, se trattati in violazione del D. Lgs. N. 193/2003. Nel caso la richiesta del titolare renda improcedibile l’istruttoria, il sussidio richiesto non sarà erogato;

e. l’Ufficio di Piano, con sede nel Comune di Riccione, è titolare del trattamento dei dati. Sono obbligati alla tutela dei dati personali anche i Comuni di residenza che accolgono la domanda e la trasmettono all’Ufficio di Piano per l’istruttoria.

ARTICOLO 6

RESPONSABILE

L’ incaricato responsabile del procedimento per il riconoscimento del sussidio economico di cui in oggetto è il Responsabile dell’Ufficio di Piano del Distretto di Riccione –ambito territoriale di Rimini Sud – Dott. Valter Chiani.

Il Direttore Ufficio Distrettuale di Piano
f.to Dott. Valter CHIANI

 

Tag:
Vota la notizia: 
0
Nessun Voto